Musica e non solo

Recensioni e News dal mondo della musica

Una compilation che fa il proprio dovere

Finalmente una compilation che realizza in pieno il proprio obiettivo: far venire voglia all’ascoltatore di comprare i lavori di quasi tutte le bands presenti sull’album! Come nella precedente raccolta, datata 1998, Rumore di Fondo 2001 riunisce alcune fra i migliori del genere skacore/skapunk/punk italiane (con un paio di ospiti internazionali tanto per gradire…)

Per cominciare, ovviamente ci sono i soliti noti di cui tutti voi avrete già qualche opera, e questi nomi sono “dovutamente” strillati in copertina: Persiana Jones, Vallanzaska, Shandon, Statuto, Punkreas. Ma già qua qualche sorpresa arriva, visto che Shandon e Vallanzaska hanno fornito versioni live dei loro brani, quindi diverse da quelle che si sentono di solito su Fetish e Otto etti di ottagoni netti e per questo ancora interessanti.
Le vere sorprese però si trovano fra le bands più “undergound”, delle quali avete magari solo sentito parlare ma non avete ancora assaggiato nulla. Che dire degli Archita, che con il loro inno al levare creano la canzone skapunk “definitiva”, con coretti entusiasmanti e, appunto, un levare di chitarra contagioso. Sugli scudi anche Marysun!Nicotina, The New Ortensia Sox (peccato si siano sciolti!) Watertower, assieme comunque a moltissimi altri. Gli “stranieri” si difendono bene, da band di culto come sono i Gaza Strippers e i grandiosi Trash Brats. Chiudono con violenza quasi tedesca gli Atarassiagrop. Ottimo. Schiacciamo il tasto PLAY di nuovo…
A parte il lato musicale, che ho trovato altissimo in tutti i gruppi, quello che mi ha colpito è stato il livello qualitativo dei testi proposti: dal campione olimpionico dei Matrioska al tizio senza due dita degli Imodium, passando ovviamente dalla lotta di classe di Watertower e Vadaviku, le storie raccontate sono tutte interessanti e di pari livello con la musica, non una banale scusa per dare aria alla bocca del cantante. Sono veramente colpito, e consiglio l’album soprattutto per questo atto di “maturità” delle bands. Tastate il polso della “scena” mentre essa si sta espandendo…

TRACKLIST

01. Matrioska – Ai vostri posti
02. The new ortensia sox – I fought the law
03. Franziska – Fashion to be rude
04. Marysun!nicotina – Johnni
05. Duffy punk – Skerzo
06. Water tower – Popolo
07. Shandon – G.G. is not dead (live)
08. Imodium – 3 dita
09. Archita – Skatafascio
10. Angry beans – Tango
11. Happy day – Il mio suono
12. Trash brats – Downtown nowhere
13. Murder we wrote – The road to cabot cove
14. Chimney sweepers – Pretend to be same
15. Vallanzaska – Idroska (live)
16. Chargers – Moustache
17. Braccobaldos – Muchacha
18. Vadaviku – Quante volte ancora
19. Persiana jones – Puerto hurraco
20. Statuto – Grande
21. Gaza strippers – My car is
22. Razzi totali – La mia B
23. Fansforewans – My regrets
24. Punkreas – Pirati
25. Tempozero – Resta
26. Marsh mallows – Room 10
27. Sultani – Quante volte…
28. Atarassiagrop – Guten morgen

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copyright © 2018 Musica e non solo