Musica e non solo

Recensioni e News dal mondo della musica

Uno sincero

Dopo un’overdose di ascolti di “Donne Mie” di Federico Fiumani ho pochi dubbi e molte certezze. Che il nostro sia, a suo modo, un grandissimo cantante lo sapevamo già, visto che Fiumani vuol dire Diaframma.

Che  il disco fosse invece colpito dal J’accuse generale della critica – asserragliata e compatta, ora, nel vedere il suo autore come colui che ha raschiato il fondo del barile – questo non lo sapevo. Comunque, escludendo “Confidenziale” (del 1994, autoprodotto), “Donne Mie” è il suo primo vero disco solista, in cui la rabbia estemporanea si mescola alla più rigorosa esecuzione new-wave e ad episodi acoustic-rock fascinosi e assolutamente sinceri (di chitarre elettriche infatti neppure a parlarne, unica eccezione Incendio). Fiumani del resto ha coraggio da vendere e non ha mai avuto bisogno di fingere. Come quando qui racconta di maldestri tentativi nell’approcciare una commessa mentre l’aria lo inebria. «Era un periodaccio» – dice – «fortuna che di lì a poco arrivò Gennaio»  (L’ora più bella). Oppure quando ci confessa: «Paola  mi lascia solo in una piazza perché oggi è il giorno del suo compleanno e vuole festeggiarlo con gli amici e il suo ragazzo, ed io da solo in questa piazza ho come una crisi da dissociazione» (Un’idea Paola). Poi c’è questa cosa delle donne. Donne che ama/ha amato (Diciott’anni) o solo posseduto. La quinta traccia si intitola addirittura Perdonami di essermi innamorato di te. Nemmeno fosse Gino Paoli. E’ la vera rivoluzione del disco, una canzone semplicissima suonabile con una chitarra semiacustica e una sequenza strofa-strofa-ritornello. Tutto ciò senza i benché minimi spasmi, pianti e vinici capossela assortiti. Perché «quando ti chiamo e tu mi dici che sei al mare io mi identifico con tutti quelli che ti guardano il sedere, di te ho solo le briciole». Prosaico. Il registro poi vira su un tono decisamente più serio, quasi drammatico, in Cara Elisabetta, una ballata condita di consuntivi bilanci esistenziali e desideri inarrivabili di domestici appartamenti, bombe di nulla ed amore ad ore, seguita a ruota da una gioiosa La mia ragazza dorme la domenica mattina. Ma se lo merita: «non come me che non  faccio un cazzo tutto il giorno». Il resto è il racconto di come si stia bene, la domenica senza colpa,  in bilico o nella propria identità coesa. Ne La nostalgia, Fiumani ammette le sue vicissitudini all’Ira Record store, poi successivamente fallita, quando i suoi dischi restavano invenduti (toh, “New Wave” in “Passato Presente” non diceva la stessa cosa?!) deragliando sul come-eravamo personale, una forma deliziosa di ricatto essere licenziati e rimpiazzati da due donne impassibili come si conviene e anche un po’conturbanti – ma il nostro non usa proprio questo lezioso epiteto. Quasi in fine ascoltiamo il pezzo di colore. Un’idea di Paola. La penultima traccia è dedicata all’ultimo degli eroi, Buster Mathis, e la mente vola subito al 1988, anno di uscita di “Boxe”, epico disco per gli aficionados del rocker toscano.  Fiumani è li lì per cedere ed invece non cade mai, non ha bisogno di sovraprodursi, di fingere o di stortarsi per farsi amare. E’ un outsider vero, non come i loser moderni. Speriamo che questo episodio solista non muoia così, poiché «se c’è la morte non ci siamo noi, se ci siamo noi non c’è la morte». Come diceva quel tale.

TRACKLIST
01. L’incendio
02. Carta da parati
03. Diciott’anni
04. L’ora piu’ bella
05. Perdonami di essermi innamorato di te
06. Cara elisabetta
07. La mia ragazza dorme la domenica mattina
08. Amore ?
09. La nostalgia
10. Un’idea di paola
11. Buster mathis
12. Felice

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copyright © 2018 Musica e non solo