Torna Il tuffatore

Di Flavio Giurato si tornò a parlare nel 2004, quando NoReply pubblicò un libro contenente diciotto racconti ispirati alle sue canzoni ad opera di altrettanti scrittori italiani (tra cui Nove, Scarpa, Nori) più un cd con una bella esibizione live chitarra e voce.

Prima di allora vent’anni di silenzio intervallato solo da qualche sporadico concerto e dal ricordo di quel bonsai intitolato Il tuffatore che è rimasto fino ad oggi un piccolo culto della canzone d’autore italiana.
 
Il manuale del cantautore – che era già uscito in un formato digitale ridotto a cinque pezzi nel 2002 – riprende il discorso là dove era stato lasciato nel 1984 dal disco Marco Polo riportando in luce la particolarità del songwriting di Giurato, che ama tenersi a distanza dalla linearità narrativa di tanti colleghi e preferisce procedere in obliquo, con associazioni di immagini che a volte sacrificano del tutto la logica e puntano sull’evocazione. A ciò corrisponde una scrittura musicale che accosta moduli molto diversi tra loro uniti da improvvisi cambi ritmici e atmosferici, una sorta di procedimento a scene – non a caso Giurato ha lavorato per molti anni nel cinema – in cui la telecamera si muove inquieta da un’inquadratura all’altra, infondendo ad ogni episodio una tensione sottile sempre sul punto di esplodere.
 
La voce, espressiva ma anche difficile da tenere a bada, completa la peculiarità delle dodici tracce, che nel loro frequente rifarsi ad alcuni rognosi episodi della storia italiana più o meno recente (Il caso Nesta, Giulia bianca, Silvia Baraldini, Ustica) appaiono come una raccolta di brevi filmati girati da un regista visionario e impegnato su diretto suggerimento della propria immaginazione. Peccato che a volte la qualità della pellicola si faccia desiderare (vedi produzione e registrazione poco curate) e che una certa patina anni settanta degli arrangiamenti (troppi cori roboanti, troppe chitarre da manualistica rock) imbrigli più del dovuto brani che solo un vero outsider come Giurato avrebbe potuto scrivere.

TRACKLIST

01. Il Manuale del Cantautore
02. La Tentazione
03. Il Caso Nesta
04. Centocelle
05. La Giulia Bianca
06. L’Ufficialino
07. Silvia Baraldini
08. Praga
09. Ustica
10. Core Addannato
11. Mi-Lang
12. I Dinosauri

Autore dell'articolo: admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *